La Comunità di S. Pudenziana: Il Cardinale Titolare Joachim Meisner

 

Cardinale Joachim Meisner

S. Em.za il Sig. Cardinale Joachim Meisner
Arcivescovo Emerito di Colonia e Cardinale Titolare di Santa Pudenziana

Mostra Tutto

Auguri!!

Tutta la Comunità di S. Pudenziana, si unisce alla Diocesi di Colonia negli auguri più sinceri di ogni Benedizione del Signore al nostro caro Cardinale, per il suo prossimo 81° Compleanno che si celebrerà il 25 Dicembre 2014, giorno del Natale del Signore.

Breve Nota Biografica

  • Il 25 dicembre 1933, nasce a Breslau in Germania,
  • Il 22 dicembre 1962 è Ordinato Sacerdote della Diocesi di Erfurt-Meiningen da S. Ecc.za Mons. Josef Freusberg
  • Il 17 maggio 1975 è Consacrato Vescovo Titolare di Vina e Ausiliare della Diocesi Erfurt-Meiningen da S. Ecc.za Mons. Hugo Aufderbeck.
  • Il 22 aprile 1980 è nominato Vescovo di Berlino
  • Il 2 febbraio 1983 è proclamato Cardinale col Titolo Presbiterale di S. Pudenziana dal Papa Giovanni Paolo II
  • Il 20 dicembre 1988 è nominato Arcivescovo di Colonia
  • Il 12 febbraio 1989 prende posesso dell'Arcidiiocesi di Colonia
  • Da allora guida ininterrottamente l'Arcidiocsi di Colonia
  • Ha partecipato nel 2005 al Conclave che ha eletto Papa Benedetto XVI.

Alcune Notizie sull' Arcidiocesi di Colonia

Colonia fu eretta Diocesi nel II secolo, e nell' VIII secolo (787) fu elevata al rango di Arcidiocesi Metropolitana. Ha un'origine, dunque, nobile ed antica quanto quella di S. Pudenziana.

L'arcidiocesi comprende le Diocesi suffraganee di Aquisgrana, Essen, Limburg, Münster, Treviri, ed include, fra le altre, le città di Colonia, Bonn, Düsseldorf, Leverkusen, Remscheid, Solingen e Wuppertal.

L’arcidiocesi di Colonia è l’episcopato con il maggior numero di fedeli della Germania. Circa 2,1 milioni di cattolici vivono suddivisi in 680 parrocchie e comunità, sulla riva destra e sinistra del Reno, nell’Ovest della Germania. La città di Colonia si trova nel centro dell’arcidiocesi.

Scendendo il corso del Reno verso nord si raggiunge Düsseldorf, la capitale dello stato federale del Nord Reno Westfalia. Risalendolo verso sud si arriva a Bonn, l’ex-capitale della Repubblica Federale Tedesca, anch’essa appartenente all’arcidiocesi di Colonia. Il territorio compreso tra la Ruhr e il Sieg è tra le regioni più densamente abitate d’Europa.

Il Duomo di Colonia è tra le più importanti cattedrali del mondo ed è tra le mete più amate dai turisti in Germania. Annualmente è visitata da circa 6 milioni di persone, provenienti da tutto il mondo. Il Duomo, nella sua maestosità, domina il panorama cittadino. Le sue torri testimoniano la ricca tradizione di fede della città episcopale, risalente fin ai primordi dell’antichità cristiana. In tal contesto pluricentenario si è sviluppata una viva pratica religiosa, che ha comportato la nascita di più di 100 mete di pellegrinaggio all’interno dell’arcidiocesi.

Alla diocesi sono legati alcuni nomi e personaggi famosi: prima di tutti i Re Magi, il cui reliquiario è conservato nel Duomo. Poi S. Alberto Magno e il beato Giovanni Duns Scoto, grandi maestri del XIII e XIV secolo: vissero a Colonia e sono ivi qui sepolti. Il beato Adolfo Kolping è nato nell’arcidiocesi di Colonia ed è sepolto nella chiesa dei frati minori. Infine, nel XX sec., Sant’Edith Stein entrò, dopo la sua conversione alla fede cattolica, nel monastero carmelitano di Colonia, prendendo il nome di Suor Teresa Benedetta della Croce, fino a quando fu deportata ad Auschwitz per morirvi martire..

Dall’11 al 21 agosto del 2005 si è svolta a Colonia la 20° giornata mondiale della gioventù. I giovani, provenienti da tutti il mondo, hanno testimoniato insieme la loro fede, animati dal motto dei Magi: “siamo venuti per adorarlo” (Mt 2, 2). Circa 1,1 milioni di fedeli hanno preso parte alla S. Messa di chiusura con Papa Benedetto XVI presso Marienfeld - Campo di Maria - a Colonia.

L’arcidiocesi di Colonia cura particolarmente intensi contatti di partenariato con il Brasile, Burma/Mnyanmar e l’arcidiocesi di Tokio in Giappone.

 

 

Stemma Cardinalizio di S. Em.za Meisner

Stemma di S. Em.za il Sig. Cardinale Joachim Meisner

Guarda...

Alcune viste significative del Duomo di Colonia (XIIIs.-). Per gentile concessione del Sito Ufficiale della Diocesi di Colonia,

Il Duomo di Colonia

La storia dell'attuale costruzione gotica del Duomo comincia col XIII secolo, dopo che nel 1164 le reliquie dei Magi furono portate a Colonia da Milano. Ma la Chiesa più antica sottostante risale all'VIII sec., anche se la costruzione del Duomo è terminata solo alla fine del XIX sec., estendendosi dunque per oltre un millennio...
Per vedere e saperne di più...

  • Duomo di Colonia
    Visione dall'alto del Duomo di Colonia con i quattro transetti cui corrispondono quattro facciate, ciascuna con 3 prortali, per un totale di dodici come gli Apostoli, evidente riferimento alla Gerusalemme Celeste della Bibbia (Apocalisse). I quattro bracci del transetto corrispondono ad altrettante navate del Duomo che ha una pianta a croce latina.
  • Lato Est del Transetto
    Copertura del Lato Est del Transetto del Duomo
  • Lato Sud del Transetto
    I Tre Portali della Facciata Sud del Duomo
  • Lato Nord del Transetto
    I Tre Portali della Facciata Nord del Duomo
  • Lato Ovest del Transetto
    I Tre Portali della Facciata Ovest del Duomo che costituiscono l'Entrata Principale del Duomo. Malgrado la loro imponenza, le dimensioni dei tre portali sono bilanciate dall'incredibile profondità della facciata ovest. Il portale centrale (entrata principale) è largo 9.3 metri e alto 28. Il tema del portale centrale è l'età precedente la redenzione che culmina nella figura di Maria. Alla sua sinistra il portale dei Magi che illustra la Manifestazione (Epifania) di Cristo a tutti i popoli del mondo. Alla destra c'è il portale di S. Pietro che esalta la manifestazione di Cristo attraverso la predicazione degli Apostoli. Tutti e tre i portali celebrano le vite dei santi più importanti della Cattedrale. La figura principale del portale centrale è Maria, collegamento fra l'Antico e il Nuovo Testamento. Ella è affiancata da Pietro, il santo cui il Duomo è dedicato, e i Magi, le cui preziose reliquie sono conservate nel Duomo.
  • Coro del Duomo
    Con non meno di 104 posti, il coro medievale della Cattedrale di Colonia è uno dei più grandi e belli esistenti al mondo. Recenti studi hanno dimostrato che la data di realizzazione di tale opera è compresa fra il 1308 e il 1311, realizzazione per la quale sono stati usati non meno di 29 tronchi di quercia di media grandezza. I carpentieri e gli artigiani che hanno lavorato agli scranni del coro provenivano da svariate botteghe di Colonia, Losanna e Parigi. Il coro non era soltanto usato dai 24 membri del Capitolo del Duomo e dai loro 27 delegati, ma anche da ospiti del Capitolo, sia chierci che secolari. Fra l'altro, degli speciali scranni erano riservati al Papa e all'Imperatore, durante le loro visite a Colonia.
  • Altare Maggiore del Duomo
    Altare Maggiore del Duomo posto al centro del Pesbiterio e del Coro. Si intravede dietro il prezioso scrigno che contiene le reliquie dei Re Magi.
  • Mosaico Pavimentale del Presbiterio
    Insieme al prezioso coro medievale, si estende per tutta l'ampiezza del Presbiterio l'originalissimo mosaico pavimentale composto di tessere di preziosa ceramica Villeroy & Boch, realizzato dall'artista di pittura del vetro di Colonia Fritz Geiges e finito nel 1899. Il mosaico si estende per oltre 1350 mq., risultando così l'opera d'arte più grande conservata nel duomo. Il mosaico raffigura, sia personaggi della storia dell'Arcidiocesi di Colonia, in particolare i suoi Vescovi e Arcivescovi, sia personaggi simbolici che rappresentano la visione cristiana del mondo e della società.
  • Figura Simbolica del Mosaico
    Una delle figure simboliche del Mosaico Pavimentale del Duomo. Rappresenta un Cardinale, ovvero uno dei sette stati di vita spirituale che, uniti ad altrettanti stati di vita secolare,raffigurano la visione cristiana della società, secondo l'intenzione dell'artista.
  • Reliquiario dei Santi Magi
    Prezioso Reliquiario dei Santi Magi, realizzato in oro, argento e pietre preziose dai maestri artigiani di Colonia fra il 1190 e il 1220, e conservato per la venerazione di fedeli dietro l'Altare Maggiore del Duomo. Il reliquiario fu progettato e realizzato immediatamente dopo la traslazione da Milano delle preziose reliquie, avvenuta nel 1164. E l'intero Duomo, nella sua attuale struttura gotica, fu progettato e costruito per offrire un degno luogo al reliquiario, e alla fede dei milioni di fedeli che, a partire dal Medio Evo, sono sempre accorsi per venerarlo.
  • Pitture del Coro Ligneo sui Magi
    Pitture della parte del Coro Ligneo posto nella prossimità dell'Altare Maggiore, che rappresentano storie sulla vita dei Magi.
  • Pala dell'Altare della Madonna
    Trittico ligneo posto sull'Altare della Cappella della Madonna del Duomo. Il trittico, dipinto dall'artista di Colonia Stefan Lochner, morto nel 1451, rappresenta la più alta espressione della scuola di Colonia di pittura sul legno del XV secolo. Raffigura, insieme alla Vergine Madre e ai Magi, i due Patroni della Città di Colonia, S. Ursula e S. Eterio. Infatti la pala era originariamente posta nella Cappella del Consiglio della Città. Dopo la trafugazione dell'opera da parte dei soldati francesi della Rivoluzione nel 1794, e dopo la conseguente sconsacrazione della Cappella del Consiglio nel 1810, la pala fu riconsegnata alla Città e posta nel Duomo, nella sua attuale collocazione.